Anne-Marie<br>la beltà<br>Yasmina Reza

Anne-Marie
la beltà
Yasmina Reza

Irresistibile monologo di una ex attrice di scarso successo

Paola Blandi
29 Gennaio 2021
Yasmina Reza è una di quelle scrittrici di cui si attende con gioia ogni nuova uscita perchè  sa sempre restituire la voglia di leggere. Intelligente, acuta, ironica, graffiante, è tra le più grandi autrici teatrali di oggi (basti pensare a Il dio del massacro, che è diventato anche un film o Babylon).
In quest’ultimo piccolo libro “Anne-Marie la beltà” (pubblicato da Adelphi ) fa parlare una ex attrice, Anne-Marie Mille, che non ha una gran carriera alle spalle, anzi ha sempre calcato palcoscenici di second’ordine fino a quando si è sposata con un uomo noioso e rassicurante e ha messo al mondo un figlio che ha preso dal padre la mancanza di fantasia. Tanto che, ora che la madre è rimasta vedova, attribuisce la perdurante vaghezza della donna a una malattia senile.
Nel suo monologo Anne-Marie risponde a immaginari giornalisti che la intervistano dopo la morte della sua amica e più celebre collega Giselle Fayolle detta Gigi, una ragazza languida e sexy che lei ricorda sempre distesa su un divano, a casa o in camerino. Anne-­Marie al contrario non era bella e ha avuto un’infanzia priva di luce a Saint-­Sourd, il paese del Nord della Francia dove oltre ai pozzi di carbone c’era una piccola compagnia teatrale. Da quei modesti attori ha tratto l’ispirazione e la forza per andare a Parigi a inseguire il suo sogno e diventare un’attrice.  Ma anche se non è stata mai famosa come Gigi, lei colora i suoi ricordi di immagini sfavillanti che le fanno affermare con assoluta certezza:
A volte, sul palcoscenico, sono stata Anne­-Ma­rie la beltà.”
Attraverso il racconto vivace e allegramente sconclusionato di Anne-Marie il lettore vive quel mondo dello spet­tacolo secondario, di cui lei ci racconta con dovizia di particolari splendori e miserie. Si sorride molto, ci si commuove a tratti e alla fine ci si innamora perdutamente di questa donna che non ha fatto in fondo niente di speciale o memorabile ma ha vissuto ogni attimo della sua vita come fosse un capolavoro.
Yasmina Reza ancora una volta ci regala un piccolo gioiello, nel quale la scrittura limpida e ricca si sfumature colpisce come una lama sottile mente e cuore del lettore e al contempo scrive un elogio di tutti gli attori che non sono mai diventati celebri, quelli il cui nome compare sempre in fondo alla locandina.
Perchè, come disse lei stessa una volta in un’intervista;

Sono i dettagli la materia più esplosiva della nostra vita.


Share:



Autore Yasmina Reza
Titolo Anne-Marie la beltà
Editore Adelphi
Traduzione Ena Marchi, Donatella Punturo
Pagine 70
Prezzo € 10,00